Pois ~ Prologo

Pois ~ Prologo

“Stai cambiando nickname. Sei davvero sicura di volerlo fare?”
Così recitava la finestra aperta sul monitor, evidenziando un tasto blu in rilievo sullo sfondo bianco. Sospirai affranta non appena cambiai nickname per l’ennesima volta. Ormai era una mia peculiarità, un tratto distinguibile diventato il mio cruccio da sei mesi a questa parte. Ogni nome mi stava stretto e così come non accettavo più il fragolina1518 che mi ero fermamente appioppata a quindici anni, nemmeno il ga_forever dei diciott’anni mi soddisfaceva più. Da quel momento ormai erano passati tre anni in cui la mia vita digitale era del tutto scemata. Non un tweet, non un post, né un topic né qualsiasi altra cosa che avesse accompagnato la mia adolescenza.
Perché mai, vi chiederete?
Un po’ perché non avevo avuto tempo, un po’ perché non avevo nulla da dire e un po’ perché mi ritrovavo in una di quelle fasi di cambiamento che, essendo la sottoscritta un tipo particolare, aveva occupato ben tre anni della mia misera esistenza. Tre anni in cui avevo faticato, cercando di migliorarmi come persona e come essere vivente. Tre anni di lotte, pianti e di scelte sbagliate pagate a caro prezzo sulla pelle.
Avevo perso i miei cosiddetti amici in questo processo. Mi ero ritrovata piuttosto con dei colleghi universitari con i quali prendevamo il caffè insieme e scambiavo due chiacchiere ma nulla più. Mi ero ritrovata sola, in una parola.
Inoltre non ho mai avuto una storia seria. Anzi, a dirla tutta non ho mai avuto nemmeno una storia – ad eccezione per il mio rapporto di dipendenza verso la nutella e del mio amore sviscerato per i libri. Mi si fermava il respiro non appena una parola, una frase o una qualsiasi citazione da una storia letta faceva capolino nella mia mente, riempiendomi di tante emozioni meravigliose, di quelle che non avevo mai provato in prima persona ma solo attraverso l’amore verso i miei adorati libri. Era uno sfarfallio nello stomaco, un respiro mozzato o la testa assorta in una fantasia inspiegabile che riempiva inaspettatamente i miei pensieri, spesso facendosi percepire anche al tatto o all’udito. Quando quelle parole prendevano vita nella mia realtà, io sapevo di aver letto troppo, di essermi persa nel mio paradiso di carta e di aver esagerato con quelle frasi che tanto amavo e bramavo.
Segretamente, in cuor mio speravo che prima o poi una delle mie adorate storie mi avrebbe stravolto la vita. Ancora non potevo immaginare quanto, magnanimamente, il destino avesse ascoltato le mie preghiere.


Note:

Non avevo il coraggio di pubblicare qualcosa di mio da una vita ormai. Le mie vecchie storie sembrano così lontane nel tempo…

Ho deciso però di riprovarci, seppur nell’anonimato più totale, per riacquistare quella sicurezza che sento esser venuta meno. Non mi aspetto chissà che miracolo, né di avere successo. Questa storia è abbozzata così, senza pretese, con due personaggi che presenterò bene solo nel primo capitolo. Ripeto: senza pretese e senza attese.

Grazie per aver letto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...