Parole

Sto scrivendo.

Scrivo una storia e sono a pagina 286. Non sono nemmeno a metà e continuo a scrivere. Scrivo e mi perdo.

Se non ricordo male, sono quattro anni che ho questi personaggi in testa e altrettanti che cerco di infilare una parolina dietro l’altra, uno spezzone dopo l’altro, per comporre la loro storia. Quattro anni, 286 pagine di cui un centinaio scritte nei mesi di luglio e agosto, perché uno dei miei obiettivi era ed è finire almeno la bozza generale entro il nuovo anno, per passare subito dopo alle revisioni, che saranno sicuramente infinite.

Un racconto che nasce nella stazione del treno, quando aspetto che la mia corsa arrivi e che continua in quei frangenti, la sera tardi, le domeniche pomeriggio davanti alla tv e in quei momenti buchi in cui dovrei fare altro.

Una trama per cui ho sudato e continuo a farlo, pregando di non cadere nella banalità, perché è così insulsa, così sempliciotta, che con un passetto sbagliato potrei cadere e non rialzarmi più.

Due personaggi, un lui e una lei, che dovrebbero crescere nel corso della storia, ma talmente imperfetti da sembrare totalmente contraffatti: da me solo falsi originali, sia chiaro.

Un file word che delle volte ho paura di conservare, altre di perdere. Alla domanda “ma quante cazzate avrò scritto?” si contrappone spesso la risposta “sicuramente c’è chi ne ha scritte più di me“.

Una fatica che forse non vedrà mai la luce, che non sarà mai pubblicata in nessun modo e forse nemmeno rinominata dalla sottoscritta, nonostante qualcuno già sappia della sua esistenza ed abbia avuto la (s)fortuna di leggerla.

Parole scritte per puro piacere, per sentirsi completi. Parole che insistono per trovare una forma e a volte anche un significato. Parole che un giorno decideranno se lasciarsi amare o odiare.

Annunci

9 pensieri su “Parole

  1. Se ti costa fatica penso sia proprio un peccato che non veda mai la luce.. Dopotutto è un prodotto della tua mente,e se continui a scrivere senza fermarti,sicuramente è un file che val la pena mostrare in giro 🙂 Le pessime idee si spengono subito solitamente..

    Liked by 2 people

  2. Secondo me ne vale la pena! Assolutamente. Non sai quanto ti capisco, anche io provo un po’ gli stessi timori e a volte vorrei che la mia storia semplicemente sparisse. Perchè è troppo banale, forse immatura e stupida.
    Ma io non ritengo che la tua scrittura risponda a questi difetti. Continua a lavorare e ricordati che per qualsiasi cosa io ci sono ❤

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...