Tormento

Ancora una volta rieccomi qui a scrivere qualche riga, quelle poche frasi sunto di pensieri più o meno profondi, allegrie e tristezze che invadono la mia anima. Non so quanto sia giusto riportare qui ciò che mi sconvolge, sebbene in piccola parte, ma il bisogno di parlare, esprimermi e scrivere è forte. Non riesco più a sopprimerlo.

Ho il respiro mozzato in gola: mi sono state dette parole bellissime ma in un contesto poco adeguato e io non riesco ad accettarle. Per quanto siano stupende, importanti e meravigliose, io non ci riesco. Non riesco ad accettare le gentilezze, le carinerie, la considerazione e l’esserci di qualcun altro in una vita che è sempre stata solo mia e nei problemi che sono sempre stati solo miei.

Sono in tormento.

Ho sempre preso con le pinze l’esistenza degli altri, così come immagino abbiano fatto loro con me. Sono sempre stata schiva, quella perfettina con la puzza sotto il naso – atteggiamento che mi ha garantito una vera e propria selezione naturale. Adesso mi ritrovo a non sapere più come gestire una persona entrata nella mia quotidianità senza permesso.

Ci penso e ripenso: a ogni parola, al significato di ogni frase e al valore di ogni gesto. E dato che la coerenza non è caratteristica della nostra specie, i pensieri aumentano e con essi anche i tormenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...